A tutt’oggi internet resta ancora un contenitore di informazioni e servizi. Chi naviga in internet ed entra in un sito web è sempre alla ricerca di informazioni, che gli permetteranno di modificare ed aggiornare la propia conoscenza, di prendere decisioni, di acquistare un bene o di avvalersi di un servizio. Ecco che, quando si parla di usabilità dei siti web non bisognerà mai prescindere dal concetto di bisogno informativo.

Un sito web si dice usabile quando soddisfa i bisogni informativi dell’utente finale che lo sta visitando e interrogando, fornendogli facilità di accesso e di navigabilità e consentendo un adeguato livello di comprensione di contennuti.

La prima volta che un potenziale cliente vistita un pagina web, si ha meno di due minuti per trasmettere quello che bisogna dire: dal punto di vista degli utenti ogni pagina deve giustificare la propria esistenza. Se una pagina non lo fa a colpo d’occhio e con chiarezza, gli utenti vanno altrove. I più non si degnano nemmeno di scorrere cosa ci sta in fondo alla pagina. Ecco perchè si dice che l’usabilità in un sito web  deve soddisfare le esigenze dei fruitori (clienti) e non quelle di chi commisiona il sito.

Ecco che, alla base di qualsiasi progetto web, la nostra società elabora e sviluppa un’adeguata architettura dell’informazione,  dopodichè si concentra nell’individuare quelle problematiche che ostacolano la facilità d’uso e fornire delle linee guida per affrontarle.

Di seguito alcune tipologie di problematiche di usabilità, ordinate per tipo di impatto, sulle quali eSTREGY predipsone gli opportuni interventi;

  1. Links che non cambiano colore (Alto impatto);
  2. Pulsante indietro nel browser che non funziona (Alto impatto);
  3. Aprire nuove finestre nel browsere (Alto impatto);;
  4. Finestre pop-up (Alto impatto);
  5. Parti di layout che sembrano pubblicità (Alto impatto);
  6. Violazione convezioni web;
  7. Contenuti e titoli vaghi, sensazionalismo gratutio (Alto impatto);
  8. Contenuti densi e tetso non scandibile (Alto impatto);
  9. Inserimento di contenuti in formato flash (Medio impatto);
  10. Incompatibilità tra piattaforme (Medio impatto);
  11. URL complessi (Medio impatto);
  12. Disegni barocchi (Medio impatto);
  13. Grafica in movimento e testo che scorre (Medio impatto);
  14. Contenuti datati (Medio impatto);

eSTREGY si avvale inoltre di web designer, i quali partecipano attivamente allo studio d’usabilità, consapevoli del fatto che i progetti che hanno possibilità di successo estetico sono ben inseriti in un contersto e situazione funzionale.


Tags: ,